mercoledì 29 maggio 2019

Burnout ...non preoccupatevi è solo stress!


Nel rispetto di decisioni ufficiali, non sono d'accordo a definire il "burnout" un semplice fenomeno lavorativo. Probabilmente chi ha valutato la sindrome ha solo letto gli effetti senza avere mai significativamente sperimentato turni di lavoro di 8 ore e più in condizioni di criticità. Il burnout debilita le persone almeno quanto un'influenza, e per di più spesso non bastano 5 giorni di riposo e neanche una buona medicina. Chi viene colpito da "burnout" non è solo stanco, ma è avvilito da una serie di concause che rendono il lavoro inumano. Si parla di saltare riposi, effettuare doppi turni consecutivi, andare sistematicamente oltre il proprio orario. Ma non è solo lavoro. Attorno alle attività prettamente lavorative c'è un mondo strano e ingiusto che genera stress. Si possono individuare quattro macrocategorie:
1) La burocrazia: si è spesso umiliati da tutta una serie di cose che rendono il lavoro psicologicamente pesante. Innanzi tutto vi è la scarsa empatia dei colleghi burocrati che per ogni richiesta generano un labirinto di problematiche a volte veramente inutili. Ogni pratica diventa una montagna da scalare, ogni richiesta risulta umiliante. 
2) I colleghi: i cosiddetti "furbetti", quelli che evitano i turni pesanti, che approfittano di ogni scusa per assentarsi, che conoscono tutte le possibilità di usufruire assenze giustificate e che, alla fine, costringono a lavorare i soliti noti.   
3) I responsabili: spesso semplicemente incapaci, ma altrettanto spesso oberati da tanti di quei compiti che non consentono di vigilare sul corretto comportamento dei sottoposti, e "quando il gatto non c'è i topi ballano" (vedi punto 2).
4) Le cause esterne correlate al lavoro: i figli da accompagnare, il parcheggio, il traffico, la manutenzione di auto e casa, i problemi di relazione completano il quadro delle macrocategorie che generano stress.
Cosa si può fare? 
Mi sembra banale sottolineare che uno psicologo di riferimento possa rappresentare uno sfogo salutare. Oltre a questo si potrebbe alleggerire il carico di lavoro, riducendo drasticamente le ore lavorative e coinvolgendo più persone nella catena lavorativa, e inoltre controllare l'efficienza lavorativa dei singoli, ma sono solo parole al vento.....

Per approfondire:

sabato 25 maggio 2019

Storia di rispetto e di coraggio


M.L. una delle migliori persone che abbia mai conosciuto, ha sempre messo al primo posto il rispetto per gli altri e per l'ambiente. Una grande voglia di vivere e un'allegria contagiosa era sempre con lei. 
M.L. ci ha lasciato il 23 maggio 2019 un male incurabile l'aveva colpita e il suo enorme rispetto per gli altri ha fatto si che nessuno, fino all'ultimo giorno, lo sapesse. Ci siamo tutti rimasti male, ma il suo enorme coraggio ha vinto. La ricorderemo sempre allegra e piena di vita. Il suo silenzio coraggioso ci ricorda che le belle persone esistono e non stanno mai su un pulpito. La nostra esistenza è frutto di un equilibrio precario che può rompersi da un momento all'altro. Dovremmo ricordarlo più spesso.....